CHIC MYKONOS!
Ah, sì! La Grecia è tutta bella! Siete mai stati a Mykonos? No?
Se l’avete vista solo in foto, mantiene ciò che promette.
Dicono di lei che sia famosa per la sua vita notturna scatenata, le discoteche e le belle spiagge. È parzialmente vero… a seconda del periodo dell’anno che sceglierete per visitarla, vivrete un’isola differente.
D’estate sicuramente c’è più spazio per lo svago ed è molto più affollata che in primavera o autunno, momenti dell’anno in cui si può scoprire il suo volto più poetico e introspettivo.
A maggio, giugno e settembre lo scenario cambia rispetto al caos di luglio e agosto. Perciò se alla mondanità volete coniugare un po’ di sano relax sono questi i mesi migliori per una vacanza a Mykonos.
 
A dispetto di chi sostiene che il turismo culturale non sia il punto forte di Mykonos, l’isola ospita un Museo archeologico, che colleziona moltissimi reperti ceramici provenienti dalle vicine isole di Rhina, Paros e Delo. Interessante anche il Museo Marittimo, con un’esposizione di diversi modelli navali della flotta pre-micenea, oltre a tutta un’altra serie di oggetti (ancore, timoni, libri di navigazione). E poi il Museo del Folklore, il Museo dell’Agricoltura, la Casa di Lena, autentica abitazione tradizionale della borghesia di Mykonos. Una testimonianza preziosa dell’antica stratificazione sociale dell’isola, prima che il turismo omologasse tutto.
C’è tutta la storia della dell’isola da scoprire. Altro che!
Se c’è una cosa che fa sognare in qualsiasi parte del mondo, beh… è il mulino! Vengono in mente Don Chisciotte e le sue avventure mirabolanti!
A Mykonos ce ne sono tantissimi, risalenti al XVI secolo, perché per lungo tempo hanno rappresentato una voce fondamentale nell’economia del territorio.
Chi vuol veramente conoscere Mykonos deve dirigersi verso Ano Mera, un piccolo villaggio presso Chora. L’atmosfera conserva la solennità parca di un tempo, con il Monastero di “Panagia Tourliani” proprio al centro del villaggio e la piazza, e le sue quattro taverne, così profondamente diverse dagli ambienti rarefatti dei locali attorno al porto vecchio.
L’architettura del villaggio è quella tipicamente cicladica: il bianco dominante delle case esalta i colori dei portoni, delle finestre e dei balconi fioriti.
 
A poco più di tre miglia da Mykonos, Delo, la culla di Apollo e Artemide, gli dèi del sole e della luna, è completamente disabitata e molto suggestiva. Patrimonio Unesco dal 1990, Delo è un enorme sito archeologico in cui le operazioni di scavo proseguono ininterrottamente dalla fine del XIX secolo.
E ora veniamo al mare, il grande e meraviglioso protagonista!
Troverete 14 spiagge, ognuna diversa dall’altra per soddisfare le esigenze più disparate.
Paradise e Superparadise sono le spiagge di chi ama far festa: drink, musica ad alto volume e personaggi decisamente sopra le righe;
Kalo Livàdi, Psarou sono probabilmente le più belle da un punto di vista paesaggistico;
Kalafatis è ideale per gli amanti di surf, windsurf e kitesurf;
Elìa, per i nudisti;
Paranga per le famiglie con bimbi al seguito;
Platys Gialos e Panormos per la (relativa) maggiore tranquillità.
Per gli appassionati di snorkeling e diving, l’isola promette immersioni indimenticabili. Sia per chi è alle prime armi, sia per sub esperti. D’obbligo maschera e boccaglio in valigia!
Simbolo della “Chora” (in greco, il centro urbano della città) è Little Venice.
Sapete perché questo nome? Perché la prima schiera di case “galleggia” sull’acqua proprio come a Venezia.
L’architettura è quella tipica, mediterranea; le stradine sono popolate da negozi, ristoranti, bar e pub che la fanno da padrone come nel resto dell’isola.
Se ci venite al tramonto… beh non vi diciamo altro… sappiate che lo spettacolo del sole è fantastico.
 
Matoyianni è la strada più nota, via dello shopping e della movida di Mykonos. Stretta e lunga, ha inizio nei pressi del porto vecchio e arriva fin quasi a Little Venice. Lungo il percorso, negozi di ogni tipo: dall’alta moda, al pret a porter, fino al merchandising e a locali più o meno etnici.
Cosa mangiare?
Se amate la cucina mediterranea, sarete soddisfatti: olio d’oliva, verdure, origano, aglio, basilico, la fanno da padrone. Pesce rigorosamente freschissimo, cucinato secondo la migliore tradizione mediterranea. Nei piatti con la carne è più forte l’influenza turca anche se il livello dei piatti rimane assolutamente eccelso: da provare l’agnello al forno (kleftiko) e alla brace (souvlaki), senza dimenticare il mitico gyros (simile al kebab turco), accompagnato dalla pita, il pane tondo e schiacciato molto diffuso in Grecia e in tutto il Medioriente. Il formaggio locale, poi, è una vera e propria eccellenza: il kopanisti, formaggio di latte misto (pecora, vacca, capra) dal gusto deciso e piccante.
Si mangia e, soprattutto, si beve di tutto in ossequio a quello spirito dionisiaco che ha fatto le fortune economiche dell’isola. Perciò, mangiate, bevete e divertitevi!
Per saperne di più, chiama subito "I Viaggi di Agata". 
☎️ 080.3354478 📧 giulio.cosentino@iviaggidiagata.it
📲 3341758150 (solo WhatsApp)
🏠 via G.Marconi, 26 - Molfetta (BA) 
Apri la mappa: https://goo.gl/maps/jjXGwTPv4K12

I Viaggi di Agata

Ragione sociale e sede legale: GRONCHI ROSA S.R.L.S. – Via Guglielmo Marconi, 26, Molfetta BA – P.IVA: 07956680727 - Iscrizione registro imprese: BA - 594032 – Licenza: 29047/17 – Assicurazione RC: ALLIANZ N° 731028579 - Pec: gronchirosasrls@pec.it - Agenzia/T.o. iscritta/o al Fondo di Garanzia Viaggi S.r.l.  ( www.garanziaviaggi.it ) con sede in Roma via Nazionale 60 - Certificato n. A/18.1293/1/2017 ai fini di quanto disposto dall’art. 50, commi 2 e 3, D.Lgs. 79/2011 e ss. mm. 

 

© 2018 by CrackDown Srl

  • Facebook